di Pierangelo Valenti
Articolo (Miscellaneous)

They All Played Ragtime. Sylvester LouisVess’ Ossman (1868-1923) è uno dei pionieri e campioni americani del banjo a cinque corde. Il suo cosiddetto ‘classical chromatic banjo style’, molto in voga tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del secolo scorso e mai passato di moda in barba al tempo, anche se è sempre rimasto una pratica di nicchia e quasi esclusivo appannaggio di musicisti snob, impiega corde di budello ed una tecnica simile a quella dei chitarristi di indirizzo classico; garantisce però una pulizia d’esecuzione sconosciuta al banjo di ispirazione tradizionale ed un repertorio pressoché illimitato.

Vess fu uno dei primi musicisti ad incidere un cilindro (1893) e da allora la sua popolarità, come impeccabile esecutore di cakewalks, rags ed altri strumentali colonna sonora dell’epoca, oltre che accompagnatore di celebri cantanti, non ebbe praticamente fine dal punto di vista discografico nonostante la comparsa sulle scene verso il 1910 del suo diretto rivale, collega e genio dello strumento Fred Van Eps.

Attivissimo negli spettacoli dal vivo per ogni dove negli Stati Uniti, con la propria formazione da ballo (Ossman’s Singing and Playing Orchestra) e spesso in duo col figlio Vess Junior, varcò anche l’Oceano esibendosi (e registrando) nel Regno Unito. Un attacco di cuore lo stroncò sul palco durante un concerto a Fairmont in Minnesota.

Articolo pubblicato su Suono n. , anno 2013


Torna indietro
Segnala la pagina
parola:
dove:

design & powered in 2005 by Nora Pezzoli | cookies policy