di Pierangelo Valenti
Articolo (artisti)

La storia insegna che la West Virginia si staccò dalla Virginia il 13 maggio 1861 allorché i delegati di 26 contee della parte occidentale dello Stato, riunitisi a Wheeling, si dichiararono antisecessionisti invocando la protezione dell’Unione. Da quel momento in poi la Confederazione dovette rinunciare ad un punto strategico militare che probabilmente ebbe un peso decisivo sull’andamento della guerra civile.

Non così per la musica che, sebbene politicamente la West Virginia passò dalla parte di Abraham Lincoln, per le tradizioni folkloristiche non poteva che rimanere legata indissolubilmente all’Old Dominion. All’epoca delle prime incisioni discografiche gli artisti westvirginiani, registrati in loco o disposti a trasferirsi nei più tecnicamente avanzati recording-studios delle grandi metropoli del Nord, risultano in numero maggiore di quelli forniti da qualsiasi altra regione limitrofa: Blind Alfred Reed, Kessinger Brothers, Frank Hutchison, David Miller, Roy Harvey, Earl Shirkey, Frank Welling, Billy Cox...

I fratelli Tweedy, compagine rurale musicalmente impeccabile, produssero diversi strumentali con una formazione del tutto originale composta da due fiddles ed un raro pianoforte spesso all’unisono.

Articolo pubblicato su Suono n. , anno 2013


Torna indietro
Segnala la pagina
parola:
dove:

design & powered in 2005 by Nora Pezzoli | cookies policy