di Pierangelo Valenti
Articolo (miscellaneous)

Barbara Ellen, Barbara Allan, Barb'ry Allen, Barbriallen… è probabilmente la ballata di lingua inglese (forse d’origine scozzese) più famosa sulle due rive dell’Atlantico. La sua storia si perde nella notte dei tempi (1666, in una nota dello scrittore Samuel Pepys) ed è catalogata al numero 84 nella raccolta del solito Francis James Child. Narra dell’amore non ricambiato di un giovane per la protagonista, della conseguente morte di lui per dispiacere e, in alcune varianti, del repentino decesso di lei per il rimorso.

Il kentuckiano Bradley Kincaid (1895-1989), prolifico compositore, l’ha inclusa (Barbara Allen) nel suo My Favorite Mountain Ballads (1928), un songbook che vendette 100.000 copie al suo apparire.

Articolo pubblicato su Suono n. , anno 2013


Torna indietro
Segnala la pagina
parola:
dove:

design & powered in 2005 by Nora Pezzoli | cookies policy