Renaissance Man
Artista : Eddie Adcock  
Label: Pinecastle PRC 1058
Anno: 1996

Stili:
Bluegrass Progressivo
Bluegrass Tradizionale
di Silvio Ferretti
Eddie Adcock

Lascio a voi la ‘recensione al buio’ di questo CD, enunciandovi alcuni dati, inoppugnabili in quanto fatti e non opinioni di questa mia mente disastrata. Il prodotto da recensire inizia con un pezzo di western swing (San Antonio Rose) che non swinga per niente, anche se la canta Buck White con Skaggs, continua con un originale le cui prime misure di ogni giro sono quasi esattamente le stesse del pezzo precedente, poi abbiamo Mac Wiseman che canta ‘in quello stile vivace che ricordiamo con amore da giorni passati’ (vulgo: rovina del tutto) una Crazy Blues per il resto anonima, quindi due strumentali (sempre originali di Adcock) del tutto immemorabili, seguiti da una Banjo Signal in cui Eddie rende omaggio al vecchio amico e co-stilista Don Reno, e all’uso non male. Pausa.

Wild Swanee Home a me ricorda Swanee River, e ci fa comunque conoscere Adcock in uno dei suoi trucchi migliori, con le corde tirate stile Keith tuners ma senza tuners, la title track non la ricordo ancora dopo quattro ascolti, e Pallet On Your Floor la faceva con i Gents e avrebbe potuto lasciarla a quel periodo, ma comunque va benino anche se non fa impazzire. Mrs. Robinson è l’ennesima dimostrazione di tecnica banjoistica, ma artisticamente è l’equivalente di un triplo salto mortale nel bel mezzo di un banchetto a Buckingham Palace: inutile e senza buon gusto. Seguono un paio di originali e una qualsiasi Dream Concerto, superflui come i precedenti, e tutto finisce con una struggente Lost At Sea con l’autore, Alan O’Bryant, a cantarla da dio ma senza potere alzare il tono del CD.


Per prodursi in questo sforzo su quattordici pezzi il nostro ha utilizzato gente come Missy Raines, Bobby Hicks, i già citati Skaggs, White e O’Bryant, Dale e Don Wayne Reno, Glen Duncan, i fratelli McReynolds, la moglie Martha Adcock che comunque ce l’aveva già in casa (e vuoi mica lasciarcela?), e un bel metronomo bloccato su una sola velocità, media e mediocre. Tanta tecnica da parte di tutti, ma con una produzione così all’insegna dell’anonimato da impedire a chiunque di brillare. Ah, Eddie suona banjo (con il suo solito timbro che... vabbè, devo essere obiettivo!), chitarra e mandolino, e canta armonie, e ha prodotto il tutto.

Mentre voi rileggete questi dati di fatto (e non...) per recensire al buio Renaissance Man, io provo a tirare due somme: dico io, un banjoista come Eddie Adcock, con l’aiuto di musicisti come i succitati, proprio non ci riusciva a pensare un prodotto, anzi un project, più sensato, con velocità variate, arrangiamenti ed atmosfere adeguati ai pezzi (per esempio, swing per un pezzo swing), o che so due cantati di più e due strumentali di meno, magari l’unico pezzo in 3/4 non proprio alla fine, insomma dettagli di quelli che se dei dilettanti italiani o tedeschi non li curassero verrebbero stroncati da Blue­grass Unlimited e qui, invece, magari si trova il recensore che spara lodi e il CD diventa highlight. Sarò sicuramente esagerato, ma dato il grosso nome tutto quello che mi sento di dire del CD, e lo faccio serenamente, è che “sicuramente sarà una gradita aggiunta alle collezioni dei fans di Adcock”. Voi cosa dite?


parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Travelin' Band
Bluegrass Etc.
Travelin' Band
Short Life Of Trouble: Songs Of Grayson And Whitter
Ralph Stanley
Short Life Of Trouble: Songs Of Grayson And Whitter
Markology
Mark O'Connor
Markology

cookies policy