Brand New Me
Artista : John Michael Montgomery  
Label: Atlantic 83378-2

Stile:
New Country
di Roberto Galbiati
John Michael Montgomery

Ottavo disco in nove anni di carriera per il cantante di Nicholasville Kentucky che continua a mietere grandi successi mantenendo sempre alto il livello della sua produzione discografica.

Brand New Me vuole essere un saluto al nuovo millennio, un evento che porta con sé un idea di rinnovamento e di buoni propositi.In realtà il disco non spicca proprio per novità di stile, si perché ci troviamo di fronte  più o meno alle stesse scelte  musicali che John Michael, con la sola eccezione dell’album Leave A Mark, ha presentato in ogni suo lavoro.

Intendiamoci si tratta comunque di un bel disco ma la precisazione è d’obbligo visto che il titolo potrebbe far pensare  ad una svolta artistica. Ma andiamo ad analizzare meglio il contenuto del CD che si apre con le ritmiche incalzanti della title track, la storia è quella delle sfide di ogni giorno che ti buttano giù ma che ti danno anche la possibilità di rimetterti in piedi e cambiare in meglio le cose e te stesso.

L’unico pezzo firmato Montgomery è I Love It All che chiude il disco con grande energia e che si può considerare come una riflessione del cantante sulla strada percorsa per arrivare al successo, dalle serate il sabato sera in un piccolo honky tonk in Kentucky, alle luci di Music City: cosa ti spinge ad andare avanti viaggio dopo viaggio senza sosta è il fatto che “…when I stand on that stage,and the courtain falls…I love it all…”.

Altri sono gli spunti autobiografici del CD come nella ballata lenta Thanks For The G Chord, un tributo all’accordo in SOL che tanto materiale ha dato a molti artisti country, o ancora Weekend Superstar sfrenato honky tonk da ballo che celebra proprio le notti dei tipici locali affollati tutti birra,fumo e country music ritrovo ideale dopo la settimana di lavoro e dove la figura del bartender è quasi paterna.

Il vero highlight dell’album The Little Girl, uscito come primo singolo, è un lento di matrice prevalentemente acustica che mette in risalto la bella voce di Montgomery e che affronta un tema complesso come le vicissitudini di una bambina cresciuta in drammatiche condizioni e che troverà conforto in una nuova vita con una nuova famiglia ed in una innocente ma sincera forma di fede in Dio.

Il tutto è reso più intenso dalle armonizzazioni vocali di una coppia affiatatissima come quella formata da Dan Tyminski e Alison Krauss.

Ancora due segnalazioni, la prima per il secondo singolo That’s What I Like About You pezzo di grande impatto radiofonico, la seconda per il più bel lento del disco Bus To Birmingham storia di un amore finito con al centro la ormai mitica figura del Greyhound americano.Un cenno ai numerosi musicisti che partecipano al progetto, tra i quali spiccano gli onnipresenti Paul Franklin (steel e dobro), Glen Duncan (violino e mandolino), Chad Cromwell (batteria), Liana Manis, Wes Hightower (back vocals).

Tirando le somme questo John Michael Montgomery versione 2000 ci offre un artista in forma che tanto ha dato al music business e che molto può ancora dare. Come tutti i suoi lavori precedenti, un disco che consiglio senza dubbio.


Segnala la pagina
parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
That's The Truth
Paul Brandt
That's The Truth
Rules Of The Road
Lee Kernaghan
Rules Of The Road
Anita
Anita Cochran
Anita

design & powered in 2005 by Nora Pezzoli | cookies policy