Prairie Wind
Artista : Neil Young  
Label: Reprise 49494-2
Anno: 2005

Stile:
Singer Songwriter
di Salvatore Esposito
Neil Young

 “Le mie canzoni parlano da sole”: così Neil Young ha commentato i brani del suo nuovo disco, e l’impressione che si ha guardando la bellissima copertina è quella di essere di fronte a un disco molto personale in cui si rincorrono i ricordi della sua infanzia vissuta in Canada.

Nonostante il periodo difficile da poco trascorso, caratterizzato dal ricovero per asportare un aneurisma cerebrale e dalla morte del padre, Neil Young, alla soglia dei sessant’anni, con questo disco tira le somme di tutta la sua carriera. Parlando delle canzoni ha aggiunto: “Ho semplicemente seguito le mie inclinazioni; tuttavia questo tipo di musica (il country, nda) mi permette maggior successo nel comunicare”. Il raccontarsi è dunque diventato anche l’occasione, prosegue Young, per “dimostrare il nostro rispetto per le radici della country music e per la terra dove possiamo stare oggi”. Le continue auto citazioni e la costante sensazione di deja vù che pervade Prairie Wind sono il chiaro segno che con questo disco il canadese abbia voluto chiudere un cerchio aperto nel 1972 con il capolavoro Harvest e proseguito con alterne fortune con Comes A Time, Old Ways, lo splendido Harvest Moon e Silver & Gold. Ciò che cambia rispetto a questi dischi sono i contenuti, l’impatto lirico, la profondità dei testi: mai come ora Neil Young parla direttamente di se nelle sue canzoni in cui il protagonista è lui insieme ai suoi ricordi. Ad affiancarlo troviamo un gruppo di amici storici riscoperti per l’occasione tra cui spiccano i nomi di Spooner Oldham alle tastiere, Ben Keith alla pedal steel, Chad Cromwell alla batteria, Rick Rosas al basso ed Emmylou Harris ai cori.

 

Il disco è un fluire continuo di immagini poetiche che come le pagine di un vecchio album di famiglia vengono sfogliate davanti ai nostri occhi. Si comincia con The Painter, la cui dolcissima melodia entra dentro sin da subito fino a colpire al cuore con il verso “If you follow every dream you might get lost”. Seguono poi due perle come l’elegia epica di No Wonder, un brano che se fosse stato scritto vent’anni fa avrebbe fatto gridare al capolavoro, e le confessioni in falsetto di Falling Off The Face Of The Earth in cui Neil Young sfoggia una insospettabile capacità di sfruttare tutto il suo registro vocale. Il disco pecca un po’ di incostanza e non è sempre su alti livelli come nel caso della title-track, dedicata al padre, su cui pesano le eccessive lungaggini strumentali o della quasi stucchevole ninnananna Here For You dedicata alla figlia. Altri spunti interessanti vengono però dalla trascinante Far From Home che durante il film concerto al Ryman Auditorium di Nashville tenuto lo scorso agosto ha introdotto dicendo: “Questa canzone significa molto per me. L’altro giorno ho cominciato a piangere mentre la suonavo. Sono ricordi di famiglia”; o ancora dalla ballata orchestrale It’s A Dream; e da This Old Guitar, cantata in duetto con Emmylou Harris e dedicata alla sua chitarra da cui non si è mai staccato (“L’ho prestata solo a Bob Dylan quando gli diedi il mio tour bus”) e che un tempo apparteneva ad Hank Williams. L’ultima zampata del disco è He Was The King, dedicata ad Elvis Presley e caratterizzata da un andamento travolgente, con i fiati di Wayne Jackson dei Memphis Horns in bella evidenza. Chiude il disco When God Made Me, una ballata pianistica già eseguita nel corso del Live 8 che non lascia il segno se non la sensazione che con questo brano Young abbia voluto scrivere la sua Imagine. Come nel caso di Greendale al disco è allegato un dvd contenente le immagini delle session di registrazione mentre a fine anno se ne verrà pubblicato un altro contenente il film concerto diretto da Johnathan Demme, registrato allo storico Ryman Auditorium di Nashville gli scorsi 18 e 19 agosto.


parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Ben Bullington
Ben Bullington
Ben Bullington
Two Wolves
John Flynn
Two Wolves
Loco Gringo's Lament
Ray Wylie Hubbard
Loco Gringo's Lament

cookies policy