Bandera
Artista : Charlie Robison  
Label: Vireo VRCD 1104
Anno: 1996

Stili:
Singer Songwriter
Alternative Country
di Franco Ratti
imi v ai

Bandera è un piccolo paese nella contea di Hill Country, Texas. Chi canta una località tanto amena è uno dei songwri­ter emergenti della scena di Austin, dove è cresciuto musical­mente nella seconda metà degli anni '80 accanto a country-acts, divenuti tutti più o meno famosi, come Monte Warden, Kelly Willis, Chris Wall, Junior Brown ed a decine di bands che si for­mano e si sciolgono con l'insolita frequenza di chi unisce compo­nenti alla ricerca di una formula.

Torneremo in seguito su questo album, uscito in contemporanea con quello del fratello Bruce per questa stessa label texana, che merita una più approfondita disa­mina ed una cronaca più arric­chita.

Charlie Robison propone con Bandera un classico honky-tonk album d'atmosfera ricco di ballate robuste ed intense, can­tate con una voce profonda e baritonale che ricorda un pò il John Prine di qualche milione di sigarette fa. Stupisce la facilità di scrittura, l'abilità di combinare al meglio in ogni brano gli elementi dell'honky-tonk music. Un eccel­lente songwriter che si distingue per il vibrante roadhouse country-feeling gradevolmente mixato con tocchi di hillbilly rock come solo i migliori in questo ambito sanno esprimere.

Ascoltando il suo classico stile honky tonk in brani come Only The Blues, I Don't Feel That Way, Always, la desolazione di Desperate Days, capirete quale sublime dispensa­tore di emozioni sia Charlie Robison. Rich Botherton, David Grissom, Bradley Kopp, chitarre, Lloyd Mines (co-produttore), Gene Elders e Ponty Bone con­tribuiscono a creare un sound molto 'live', compatto ed effica­ce, diretto e toccante come le emozioni che esprime un songwriter di cui sentirete ancora parla­re (sicuramente da OOT).


parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Hand Me Down Land
Steve Bedunah
Hand Me Down Land
Two Wolves
John Flynn
Two Wolves
In This World
Burns Sisters
In This World

cookies policy