Willin'
Artista : Jon Randall  
Label: Grapevine GRACD 287
Anno: 1999

Stile:
New Country
di Dino Della Casa
Jon Randall

Terza prova solista per Jon Randall, originario di Dallas, TX, poi trasferitosi a Nashville per seguire la sua vocazione artistica; ambizione giustamente coltivata, se a soli vent’anni, il nostro si trova chitarrista nella Hot Band di Emmylou Harris.

Nel 1995 Jon debutta su etichetta RCA con What You Don’t Know, buona prova che lo presenta come chitarrista e cantante certamente dotato. Dopo tre anni il secondo album esce su Asylum e Cold Coffee Morning rappresenta la conferma del suo talento, sia a livello compositivo che interpretativo.

A distanza di un solo anno esce quindi questo Willin’ (è infatti datato 1999) che non manca di far fremere coloro che hanno vissuto in prima persona gli anni d’oro del country-rock e del rock californiano.

Già, perché il title-track è proprio la cover del classico dei Little Feat composto dal compianto Lowell George e reinterpretato a più riprese dai nomi più significativi della California, fra i quali ricordiamo i Byrds e Gene Parsons.

Jon canta e suona molto bene, alternandosi alle chitarre acustiche ed a quelle elettriche (anche a 12 corde in Afraid Of The Dark), pur privilegiando il suono acustico e fortemente influenzato dalle sonorità legate alla tradizione.

Ascoltate il risultato ottenuto dalla sua chitarra acustica, dal dobro di Jerry Douglas e dalle voci di Emmylou Harris e dello stesso Jon in Can’t Hurt Anymore ed avrete una misura di ciò che troverete in questo dischetto.

La versione di Willin’ lo vede impegnato ancora all’acustica, con Brent Truitt alle voci ed al mandolino, mentre la steel guitar segue docilmente il volere delle rodate dita di Al Perkins, session man di lusso alle varie corti californiane.

Il prodotto è omogeneo e gradevolissimo: il riff dell’iniziale Baby Make The Sun Go Down non ti lascia più, la dolcezza di Sweet Lorretta è irripetibile, mentre Walk The Line esce decisamente dal seminato, con pesanti implicazioni rock-blues.

Alcuni ospiti importanti sono della partita, Lorrie Morgan, Kim Richey, Sam Bush, Tim O’Brien ed Harry Stinson, oltre al già citato Jerry Douglas. La voce di Jon Randall si rifà a certe tonalità ‘impostate’ vicine a Vince Gill, e visto il successo ottenuto da quest’ultimo, non ci rimane che incoraggiare Jon a proseguire lungo la strada intrapresa.


Segnala la pagina
parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Transcontinental
Jedd Hughes
Transcontinental
There Will Come A Day
Shirley Myers
There Will Come A Day
The Houston Kid
Rodney Crowell
The Houston Kid

design & powered in 2005 by Nora Pezzoli | cookies policy