Part Of Growing Up
Artista : Rarely Herd  
Label: Pinecastle PRC 1103
Anno: 2000

Stile:
Bluegrass Moderno
di Aldo Marchioni
The Rarely Herd

Di Rarely Herd mi ero fatto un’idea non brillante: avevo un loro vecchio album, che era bastato a non farmene prendere altri. Avevo fatto male, perché le cose sono cambiate, molto, e decisamente in meglio.

Quello che mi aveva convinto poco, a suo tempo, era un certo suono forzatamente contemporaneo, una sorta di brutta copia di gruppi tipo Front Range o Highstrung, ed un banjo non particolarmente esaltante, almeno per i miei gusti. Oggi il suono è ancora contemporaneo, quando serve, ma non artificiale, ed il banjo è diventato forse il punto di forza strumentale del gruppo.

Il banjo è quello di Ned Luberecki, artista céco emigrato negli States per poter coltivare la propria passione: e che, al contrario di molti suoi conterranei, quando serve vuole e sa suonare il buon vecchio roll come Earl comanda (ed anche un frail più che decente). E suona pure la chitarra come Earl comanda, quando deve eseguire Lift This Chains, gospel nello stile di Flatt & Scruggs.

Gli altri musicisti sono Jim Stack, chitarra e voce lead e baritone, Alan Stack, mandolino, lead e baritone, e Jeff Weaver, basso e tenor. Aiuta quasi ovunque Rob Ikes, con il suo dobro, e con la sua chitarra Carl Jackson su A Part Of Growing Up (That Gets Me Down), di cui è anche autore.

Il gruppo non è più una brutta copia di Higstrung: li ricorda, ma ha assunto una sua decisa personalità. Le armonizzazioni vocali sono decisamente interessanti, anche se non si distinguono in modo particolare da quelle di altri.

La parte migliore comunque rimane, secondo me, nel lavoro degli strumenti: suono compatto e grintoso, arrangiamenti e suoni puliti, estrema competenza di tutti gli strumentisti.

Ed il banjo di Ned Luberecki che si distingue sopra a tutto. Luberecki, fra l’altro, contribuisce con due composizioni strumentali da tenere d’occhio, Siloam Springs e Nedscape Navigator, quest’ultima più progressive, e già riprodotta in tablatura su Banjo Newsletter.

Altri due o tre pezzi sono stati composti da altri membri del gruppo, da soli o in collaborazione, contribuendo all’originalità del suono del gruppo; che non disdegna comunque di pescare nel repertorio di Jim & Jesse (I Will Always Be Waiting For You), o dalla penna di Randy Scruggs (True Love Never Dies, che non sfigura per niente davanti alla più nota versione di Del McCoury).


parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
A Man Must Carry On
Aubrey Haynie
A Man Must Carry On
Red Wing
The Steel Wheels
Red Wing
Carolina Memories
Ricochet
Carolina Memories

cookies policy