The Greatest Hits Of
Artista : Johnny Rodriguez  
Label: Mercury 1078
Anno: 1977

Stile:
Traditional Country
di Mario Manciotti
Johnny Rodriguez

La popolarità della country music ne­gli Stati Uniti è talmente vasta da ab­battere anche barriere razziali e il fa­scino che esercita raggiunge ogni gruppo etnico. Lo testimoniano le brillanti carriere di Charley Pride, Stoney Edwards, O. B. McClinton, country singers di colore, i successi di Kinky Friedman ebreo texano che ha addirittura chiamato la sua band The Texas Jewboys, e ancora i milioni di dischi venduti dai due popolarissimi chicanos Freddy Fender e Johnny Rodriguez. Di quest’ultimo vogliamo proporre alla vostra attenzione un interessante album antologico che raccoglie le sue incisioni di maggior successo realizzate tra il 1972 e il 1975.

Juan Raul Johnny Rodriguez nasce il 10 dicembre 1952 a Sabinal un piccolo paese del South Texas, quel South Te­xas (da San Antonio al confine messica­no) che pare abbia dato i natali ai cow­boy e che culturalmente appare come la straordinaria sintesi di tradizioni, usi e costumi dei vari gruppi etnici ivi inse­diatisi. In tale eterogeneo ambiente, dove la country music è di casa, il gio­vane Rodriguez cresce ascoltando i suoi idoli canori: Ernest Tubb, George Jones e Merle Haggard. Dopo alterne vicissitu­dini, tra cui anche una breve sosta in carcere e la morte del padre e del fra­tello, riesce a raggiungere il desiderato successo. Nel 1972 ottiene un contratto con la Mercury Rec. (la casa disco­grafica per cui tuttora incide) e la sua prima realizzazione: Pass Me By diven­ta in breve la country song più po­polare dell'anno. Dotato di una splendida voce, di un'otti­ma padronanza della lingua inglese, come nemmeno il suo emulo Freddy Fender possiede, e di uno stile canoro che a volte ricorda quello del grande M. Hag­gard, il texano-messicano Johnny Rodri­guez ha saputo estendere la sua popola­rità oltre i confini del suo stato natale ed oggi fa stabilmente parte del firma­mento di Nashville. Nella strumentazione che accompagna le sue canzoni (fiddles e steel guitar) traspare chiaramente la sua affinità con i tradizionali stili texani come ad esempio in Pass Me By, You Always Come Back To Urting Me e Jelaous Heart, alcune sue prime inci­sioni che si avvalevano della presenza di Johnny Gimble e Pete Drake.

 

Estrema­mente versatile riesce ad interpretare vec­chi successi come Faded Love di Bob Wills, Born To Loose di Ted Daffan e con la stessa disinvoltura canzoni come Something di George Harrison e inoltre (ma non è una novità poiché vi sono pre­cedenti illustri come quelli di Marty Rob­bins, Billy Walker, Sonny James ecc.) non disdegna l'uso alternato di strofe in spa­gnolo e in inglese: Love Put A Song In My Heart, Jealous Heart, ecc. Quat­tro album d'oro, sei primi posti nelle country charts, la nomina di miglior cantante country dell'anno (1973) attribui­tagli dalla Academy Of Country And We­stern Music e dalla Country Music Asso­ciation, le migliaia di fances (moltissimi giovani), i concerti tenuti in Canada e Inghilterra fanno infine di questo genui­no country singer, dalla rapida e pre­stigiosa carriera, un personaggio di pri­missimo piano nell'establishment canoro di Nashville.

In questo Greatest Hits, essenziale per un approccio a Johnny Rodriguez, ol­tre alle già citate canzoni troviamo altri sette interessanti titoli che ci danno l'esatta dimensione artistica di questo cantante il cui stile non è cambiato mol­to nell'arco di cinque anni e che è cer­tamente destinato a raggiungere un suc­cesso ancora maggiore.


Segnala la pagina
parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Pure Dirt
Nitty Gritty Dirt Band
Pure Dirt
Shady Grove
Gove Scrivenor
Shady Grove
Ready For The Times To Get Better
Jim Rooney
Ready For The Times To Get Better

design & powered in 2005 by Nora Pezzoli | cookies policy