Lake Street Dive
Artista : Lake Street Dive  
Label: Signature Sounds SIG2032
Anno: 2010

Stili:
New Acoustic Music
Alternative Country
Country Jazz
di Remo Ricaldone
LAKE STREET DIVE

La filosofia dei quattro ragazzi che formano questa band denominata Lake Street Dive è quella immaginata e disegnata da Mike McDuck Olson,tromba e chitarra, in un’aula del Conservatorio di Boston davanti ai tre futuri compagni d’avventura, il batterista Michael Calabrese dalla Pennsylvania, la contrabbassista Bridget Kearney nativa dell’Iowa e la cantante Rachael Price proveniente dal Tennessee. Una musica assolutamente libera nella forma e nelle attitudini che nasce dalle radici country e folk ma che assume di volta in volta le sembianze di un multiforme e caleidoscopico mix di suoni rhythm’n’blues, jazz, pop e hillbilly, nelle parole dello stesso McDuck un Loretta Lynn meets Ornette Coleman sulla carta assolutamente improbabile.

Dopo tre lavori prodotti artigianalmente che hanno però contribuito a farli conoscere a livello regionale e ad attrarre più di un addetto ai lavori, ecco il loro debutto nazionale grazie alla Signature Sounds, la label di Whately, Massachussetts, sempre attenta ai nuovi suoni acustici che vengono fuori dall’amplissimo sottobosco statunitense.

 

Lake Street Dive gioca le proprie carte in maniera scoperta, grazie ad un songwriting che pesca ampiamente nella tradizione soul come nei suoni della cosiddetta british invasion degli anni sessanta, non dimenticando però quanto siano basilari i dettami della tradizione folk. Le influenze jazz del batterista Michael Calabrese e i suoi ritmi così versatili e ricchi di sfaccettature, così come l’uso frequente della tromba possono in un primo momento stupire, ma se si entra un po’ più nel mood del disco ci si ritrova alla fine dell’ascolto rinfrescati e divertiti, senza il bisogno di etichettare una band così particolare come è Lake Street Dive, un tuffo rigenerante nel panorama indie d’oltreoceano.

Neighbor Song, Henriette, Funny Not To Care, Hello? Goodbye!, Elijah, Got Me Fooled e We All Love The Same Songs sono solo le personali favorites di un album da apprezzare. Open minded only!


Fonte: The Long Journey anno 2011
parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Acousticity
David Grisman
Acousticity
Cornbread Nation
Tim O’Brien
Cornbread Nation
Cool Breeze
Cary Hudson
Cool Breeze

cookies policy