Maiden Voyage
Artista : Eric Lambert  
Label: Autoprodotto 
Anno: 2013

Stili:
Folk
Country Blues
Bluegrass Tradizionale
di Remo Ricaldone
Eric Lambert & Friends

Eric Lambert è un flatpicker che si districa con grande autorevolezza tra bluegrass e country music, ampliando questi generi grazie ad una forte propensione per temi più vicini a rock e ‘dawg music’. Non per niente tra i suoi ispiratori c’è David Grisman e le sue commistioni sonore tra jazz e buegrass, oltre a gente come Duane Allman e Dickie Betts, suoi miti degli esordi, e poi Tony Rice, Jerry Garcia, Norman Blake e Bob Dylan. Da più di quarant’anni sulle scene di Chicago, Illinois, Eric Lambert persegue oltre ad una carriera come musicista che lo ha portato ad incidere soltanto quattro dischi, quella di insegnante.

Mayden Voyage è certamente il suo disco più completo e variegato, quello in cui, grazie ad una serie di ottimi musicisti come il mandolinista Steve Haberichter, il fiddler Pat Fiddle (!) e il bassista Dan Rogers, focalizza con sagacia le sue molteplici influenze. Già dall’introduttiva Cumberland Blues possiamo realizzare quanto brillante sia il suo approccio ed anche buono il suo timbro vocale, mentre l’amore per certe jam acustiche emerge nella seguente canzone che dà il titolo alla raccolta, Maiden Voyage. Le inflessioni irlandesi della lunga ed articolata The Sweet Irish Lass, quelle decisamente bluesy di Big Legged Woman che ricorda anche David Bromberg, il brillante pickin’ nello strumentale Breakfast At Georges, la sorprendente cover di Hey Pocky Way che ci porta nella New Orleans dei Neville Brothers, la descrittiva Won’t Fight Alone Again e Make It Through The Night dove emergono coloriture southern, concorrono a creare un insieme intrigante e mai noioso, certamente non rivoluzionario ma caldo e coinvolgente.


Fonte: The Long Journey anno 2014
parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Bitter Sweet
Accidentals
Bitter Sweet
Time Won’t Let Us Stay
Randall Kromm
Time Won’t Let Us Stay
A Song Of Home
James Galway, Jay Ungar & Molly Mason
A Song Of Home

cookies policy