Made In Brooklyn
Artista : John McEuen  
Label: Chesky JD388
Anno: 2016

Stili:
Country Folk
Bluegrass Progressivo
Bluegrass Tradizionale
di Remo Ricaldone
John McEuen

Inquadrare un personaggio poliedrico come John McEuen non è facile: da un lato è stato l’ago della bilancia che ha fatto pendere verso la tradizione il suono della Nitty Gritty Dirt Band ma al tempo stesso, all’interno della stessa band e attraverso la sua produzione discografica solista ha saputo sperimentare e unire suoni provenienti da differenti radici, dall’infatuazione per certa musica classica alle sonorità ‘spagnoleggianti’.

A suo nome comunque John McEuen ha prodotto relativamente pochi album, una dozzina in più di un trentennio, e non ha mai fatto gridare al miracolo qualitativamente parlando, pur risultando più di una volta positivo. Questo Made In Brooklyn è il risultato di una due giorni di musica molto intensa a New York con la compagnia di vecchi amici, rivisitando alcuni classici della country music e del folk (ma anche del rock) con buona verve, aggiungendo sue composizioni che naturalmente spostano gli equilibri verso un bluegrass molto corposo e vicino alle tentazioni jam.

Tra le cose più ‘scontate’ (in senso positivo) ci sono le versioni di I Still Miss Someone di Johnny Cash e Mr. Bojangles di Jerry Jeff Walker, due melodie senza tempo che sono rimaste nel suo cuore, in entrambi i casi riletture di buona fattura e gusto. Sorprendenti invece sono due cover di Warren Zevon, musicista che non ritenevamo vicino allo spirito di John McEuen e che fanno un po’ di fatica a risultare credibili pur nella piacevolezza degli arrangiamenti. A My Dirty Life And Times e Excitable Boy manca quell’ironia e quel pungente approccio che era una delle caratteristiche di Warren e l’eccessiva ‘levigatezza’ dei suoni penalizza il risultato finale.

Positive sono altre due cover, qui scelte con oculatezza, She Darked The Sun di Gene Clark e My Favorite Dream di Boudleaux Bryant che assieme alle originali Acoustic Traveler, all’introduttiva Brooklyn Crossing e alla chilometrica The Mountain Whipporwill rappresenta bene la personalità di John McEuen, banjoista (a anche fiddler) di enorme talento e capacità.

Da citare ilparterre de roi’ che lo accompagna nel disco, da Jay Ungar a John Cowan, da Steve Martin a John Carter Cash e David Bromberg, per citare i più noti.


Fonte: The Long Journey anno 2016
parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Clouds Over Carolina
Larry Rice
Clouds Over Carolina
Catskill Mountain Goose Chase
Jay Ungar
Catskill Mountain Goose Chase
Live At The Birchmere
Big Dogs With Tony Trischka
Live At The Birchmere

cookies policy