Stargazer
Artista : Jesse Terry  
Label: Jackson Beach JBR02
Anno: 2017

Stile:
Singer Songwriter
di Remo Ricaldone
Jesse Terry

Al quarto disco il cantautore del New England Jesse Terry si imbarca in un progetto decisamente particolare e non privo di insidie con un disco fortemente orchestrato e dalle reminiscenze britanniche oltre a quelle legate ad un grande della musica americana come Roy Orbison. Stargazer è inciso a Nashville, Tennessee ma non rientra nei suoni che generalmente ci aspettiamo da produzioni che provengono da quella città, mostrando chiare influenze ‘beatlesiane’ e delle sonorità che una band come i Traveling Wilburys ci aveva presentato con i suoi dischi.

Le tematiche sono ottimistiche e sognanti e le pulsioni pop spesso si trasformano in ballate interessanti e, quando le melodie non sono troppo ‘compresse’ dalle trame orchestrali emergono in tutta la loro bellezza. Personalmente prediligo i momenti più cantautorali e corposi a partire dalla eccellente Dangerous Times, tra i momenti migliori di questo Stargazers dove rock e radici si incontrano ricordando certe cose di Tom Petty mentre spesso la produzione eccede in campionamenti percussionistici e si insinua una certa dose di psichedelia come ad esempio in Only A Pawn, Kaleidoscope e Stay Low. Won’t Let The Boy Die sa di Jeff Lynne negli arrangiamenti e inevitabilmente anche del Tom Petty di dischi come Into The Great Wide Open.

Una spanna sopra c’è comunque la trascinante Dance In Our Old Shoes dove Jesse Terry indossa nuovamente i panni del troubadour, quelli in cui secondo me si trova meglio, affiancata da un finale che risolleva un album alterno anche se piacevole con Runaway Town, Trouble In My Head e la delicata Dear Amsterdam ad inquadrare meglio il mix di rock, pop e radici proposto.

Un lavoro dalle melodie intriganti che sarebbe suonato meglio dando spazio ad arrangiamenti più roots.


Fonte: The Long Journey anno 2017
Segnala la pagina
parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Follow Me Moon
Mia Rose Lynne
Follow Me Moon
Jack Tempchin
Jack Tempchin
Jack Tempchin
Heart Of A Song
Nancy Cassidy
Heart Of A Song

design & powered in 2005 by Nora Pezzoli | cookies policy