Natural Bridge
Artista : Bela Fleck  
Label: Rounder 0146
Anno: 2000

Stili:
Bluegrass Progressivo
Bluegrass Tradizionale
di Michele Anselmi
BELA FLECK

Bela Fleck, l'enfant terrible del banjo 5 corde, era poco pi che ventenne quando incise - nel 1982 - questo Natural Bridge.

Capelli a caschetto, giacca di velluto marrone, il vecchio Gibson abbracciato a m di chitarra elettrica, il musicista sembra uscire dalla copertina di un disco di Jeff Beck (gli assomiglia pure): l'accostamento non suoni incongruo, essendo stati entrambi due rivoluzionari sperimentatori nei rispettivi strumenti.

Per l'occasione, il giovane Fleck - ancora non entrato a far parte dei New Grass Revival - riun il meglio della scena acustica di Nashville e San Francisco, e dalle session usc un disco rivelatore: magari acerbo in certe sue digressioni pi jazzistiche, ma denso di quel talento compositivo che sarebbe esploso nei successivi lavori (fino alla recente doppietta Tales From The Acoustic Planet).


Del resto, sulle note di copertina, David Grisman plaude gi allora alla cultura musicale che traspare dai brani, tutti e undici firmati dal titolare del disco.

Una vera e propria 'musical vision', che intreccia virtuosismi bluegrass e sottolineature classiche, atmosfere swing e cadenze liriche, secondo un gusto melodico che rende i dischi di Fleck immediatamente riascoltabili.

Pi di Tony Trischka, pi di Bill Keith, pi del maestro Earl Scruggs, Fleck s' dimostrato nel tempo un innovatore puro.

Non meraviglia che anni dopo, a capo dei Fleckstone, abbia ricevuto un Grammy, e che la Warner se lo coccoli come un fiore all'occhiello: dovunque lo metti - con Chick Corea o con Tony Rice - Fleck porta uno stile personale, riconoscibile, un sapore unico.


In Natural Bridge (titolo che suona quasi un manifesto programmatico) il banjoista newyorkese allinea almeno cinque piccoli capolavori con l'aiuto di gente come Jerry Douglas al dobro, Mark O'Connor alla chitarra, Darol Anger al violino e Mark Schatz al contrabbasso. Punchdrunk un grintoso bluegrass pieno di variazioni, Bitter Gap gioca con gli accordi minori, Daybreak un albeggiante duetto banjo-dobro, Applebutter un reel per chitarra, ma soprattutto resta Old Hickory Waltz: un valzer soave e trasognato, scritto per Jerry Douglas, dal quale emerge un acquietato senso dell'esistenza.


parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Clinch Mountain Mystery
Larry Stephenson Band
Clinch Mountain Mystery
Doin' My Time
Aubrey Haynie
Doin' My Time
Touching Home
Boys From Indiana
Touching Home

cookies policy