Blue Side Of Town
Artista : Del McCoury Band  
Label: Rounder CD-0292
Anno: 1992

Stili:
Bluegrass Moderno
Bluegrass Tradizionale
di Silvio Ferretti
THE DEL McCOURY BAND

Si parla (altrove) di ‘soul’ e spunta Del McCory, che ha sempre avuto più anima che fortuna…Questo è il terzo episodio della ‘rinascita’ del nostro amato veterano, ed è molto da gustare. La Del McCoury Band è un po’ cambiata, e al terzetto Del/Ron/Rob si sono aggiunti Mike Brantley (contrabbasso e voce) e Tad Marks (fiddle e voce) con altri due fiddler, Jon Glick e Warren Blair, come ospiti in un paio di occasioni.


Questa gente, lasciatemelo dire, ha veramente le palle (non dovevo dirlo?) e ho idea che l’album sia stato registrato ‘live in studio’, evidenziando così le loro doti di grinzosità e vivacità, seppure a lievissimo discapito della chiarezza del suono (che è in ogni caso perfetto, intendiamoci).


Anche in pezzi non del tutto convincenti, come l’iniziale Beauty Of My Dreams o lo stranamente non-del-tutto-esplosivo riarrangiamento del classico That’s Alright Mama (classico rock’n roll e blues, ovvio) c’è comunque abbondanza di drive e pienezza di suono.

Qui forse gioca in modo ambivalente il fatto che il vecchio Del, apparentemente, ha ‘usato’ i figlioli per trovare pezzi nuovi: niente Monroe, questa volta, e poca roba stile Ernest Tubb o George Jones, e presenti invece Steve Earle, Paul Kennerley, Steve Young, oltre al già citato Arthur Crudup.


Il risultato, dal punto di vista stilistico, è ovviamente inalterato, ma il vecchio Del ha probabilmente un po’ faticato a fare entrare il materiale nuovo nel suo vecchio stile (anche se non sembra), e se si ascolta con attenzione non si può non notare che la band rende decisamente meglio sui pezzi tradizionali rispetto a quelli riarrangiati.


Così l’imperitura High On A Mountain ci ricorda chi è veramente Del McCoury assai meglio di quanto The Blue Side Of Town ci faccia capire quello che potrebbe  domani essere, e il tenor stellare del nostro è più adeguato a Try Me One More Time che a That’s Alright Mama.


Ma questo vuol dire esagerare in sottilizzazioni, e ciò non è giusto nei confronti di Del McCoury o di questo album, che è una sapiente mistura di drive, soul, blues, fuoco fiamme e lacrime (finalmente tre parole italiane..) e tutto ciò che significa, se vogliamo, bluegrass.

Raccomandato.


Segnala la pagina
parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Reflections
Nothin’ Fancy
Reflections
Ragin’ Live (DVD)
Rhonda Vincent And The Rage
Ragin’ Live (DVD)
Signs Along The Road
Steve Smith, Chris Sanders & Hard Road
Signs Along The Road

design & powered in 2005 by Nora Pezzoli | cookies policy