Keep On Pushing
Artista : Country Gazette  
Label: Flying Fish FF70561
Anno: 1991

Stili:
Bluegrass Tradizionale
Bluegrass Moderno
di Maurizio Faulisi
ALAN MUNDE & COUNTRY GAZETTE

Ho atteso invano che qualcun altro prendesse l’iniziativa di recensire il nuovo album della Country Gazette. Il disco è uscito da diversi mesi quindi non essendosi fatto avanti nessuno tocca a me pensarci.


Un nuovo disco di questo gruppo non può e non deve passare inosservato davanti ai nostri occhi; la Country Gazette è ancora troppo importante per il pubblico italiano. Insieme ai Seldom Scene è infatti il gruppo bluegrass che ha raggiunto maggiore popolarità dalle nostre parti nel periodo d’oro, diciamo dal 1978 al 1985.


La ragione del suo successo sta nel legame che alcuni componenti della formazione hanno avuto con la scena country-rock californiana nei primi anni ’70. Inoltre va sottolineato che lo storico album Don’t Give Up Your Day Job venne incredibilmente stampato in Italia dalla UA. Infine da ricordare anche la sua partecipazione a Pickin’ 88 di Torino.


Pur riconoscendo le qualità dei numerosi musicisti che vi hanno fatto parte, vi confesso di non essere mai stato affascinato dal sound del gruppo. Poco blues e ancora meno soul, e io, scusate, non riesco proprio a farne a meno.


Dopo aver ascoltato un disco della Country Gazette me ne devo sparare almeno due di Bill Monroe. Quindi vi prego di prendere con le pinze le mie affermazioni nei confronti di questo suo ultimo lavoro. Keep On Pushing rappresenta una tappa importante per Mr. Munde, unico superstite di un’avventura che dura da vent’anni.


Il tempo non sembra passato per il simpatico e bravo Alan, in tutti i sensi, pare di ascoltare la solita vecchia Country Gazette, stesso sound, stessa impostazione delle voci nei cori e il solito repertorio fatto di canzonette.Invece la banda è completamente nuova: Chris Vandertuin, chitarra; Dawn Watson, mandolino; Steve Garner, contrabbasso e Alan al banjo.


La voce lead del chitarrista in alcune occasioni è buona; ma solo in alcune occasioni. Anche la mandolinista Dawn Watson si propone come lead vocalist, per fortuna in un solo pezzo, Anywhere The Wind Blows dei Good Ol’ Persons; non vorrei sembrarvi troppo cattivo, ma diosanto questa versione fa sembrare un capolavoro l’originale. Dal punto di vista strumentale il disco non è affatto male, ha un unico difetto: spesso annoia.


Mi fermo qui, è inutile andare avanti. Se vi sono piaciuti gli ultimi dischi della band allora può piacervi anche questo, io però non riesco proprio a consigliarvelo.


Segnala la pagina
parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
I'm A Stranger Here
The Devil Makes Three
I'm A Stranger Here
So Long Of A Journey
Hot Rize
So Long Of A Journey
Howlin' at the Moon
Sam Bush
Howlin' at the Moon

design & powered in 2005 by Nora Pezzoli | cookies policy