Copperhead Road
Artista : Steve Earle  
Label: MCA 255935-1
Anno: 1988

Stili:
Singer Songwriter
Alternative Country
Country Rock
di Ezio Guaitamacchi
prima

II grintoso Steve Earle ci regala un'altra produzione di valore. Di lui si è spesso parlato affiancandolo al fenomeno Dwight Yoakam anche se le differenze tra i due sono parecchie e molto sensibili.

La componente country-honky tonk, marchio di fabbrica di Yoakam, è qui assai marginale e lascia spazio ad un rock tirato e di ottima fattura. L'uso sapiente di strumentazioni acustiche e il ricorso, qua e là, ad atmosfere vaga­mente countrieggiante fanno comun­que sì che Steve Earle sia musicista amato non solo da rocchettari incalliti.


Il suo ultimo ellepì, ad esempio, contiene almeno tre brani che possono piacere ai lettori di questo giornale e che, a mio parere, sono pure le cose migliori del suddetto lavoro: mi riferisco a Copper­head Road e a Johnny Come Lately (con un forte sapore cajun) sulla prima facciata, nonché alla bellissima ballata acustica Nothing But A Child in chiusura del lato B.

Una conferma, anche dal punto di vista compositivo, per questo personaggio emergente.


parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
American Street
George McCorkle
American Street
Ache Of Longing
David Olney
Ache Of Longing
Halos & Good Buys
Blue Dogs
Halos & Good Buys

cookies policy