Hot Dog
Artista : Buck Owens  
Label: Capitol C1-91132
Anno: 1988

Stili:
Bakersfield Sound
Honky Tonk
di Ezio Guaitamacchi
Buck Owens

All'inizio degli anni '60 una cittadina della California - Bakersfield, situata nel­la fascia agricola fuori dal circuito turis­tico - ebbe il suo momento di gloria gra­zie al talento musicale di due suoi figli benemeriti: Merle Haggard e Buck Owens.


Entrambi meritevoli di aver creato un'alternativa (non solo commer­ciale) al già allora debordante Nashville Power, essi svilupparono quello che fu poi definito 'Bakersfield Sound', una sorta di country-honky tonk che rispol­verava il concetto musicale che Hank Williams dieci anni prima impose in tutti gli U.S.A. ma che la sua prematura scomparsa impedì di proseguire e rinforzare.


In perenne contrasto tra loro (anche a causa di spiacevoli scambi di mogli e fidanzate) Buck e Merle da sempre si contendono lo scettro di 'King Of Californian Country Music'. E se per molto tempo il più scaltro Haggard ha avuto la meglio, recentemente il buon vecchio Owens si sta prendendo delle belle soddisfazioni.

E' risaputo (nessuno ne fa mistero) che gente come Dwight Yoakam, Ricky Van Shelton, Highway 101 e soprattutto Desert Rose Band ha in Buck Owens la principale fonte di ispirazione.


Questo vuol dire (se inclu­diamo comunque le indubbie influenze denunciate da Ricky Skaggs, Randy Travis, Rodney Crowell, Keith Whitley e da molti altri) che il 90% della country music odierna (il famigerato 'new coun­try') deve tantissimo del suo successo a questo straordinario personaggio. Ironia della sorte, i dischi storici del vecchio Buck sono oggi veri e propri oggetti misteriosi. Anche per questo, suscita grande interesse l'uscita di Hot Dog, brillantissima produzione Capitol, che ci presenta un Buck Owens in ver­sione odierna, più vispo che mai, e sempre all'altezza della sua fama.


Dieci brani mandano in solluchero gli amanti della 'nuova' country music (che, come avrete capito, nuova in senso artistico non lo è proprio) e tutti coloro che comunque sono interessati a capire meglio questa formidabile 'revanche' della musica di Nashville.

Già dal primo brano Don't Let Her Know si entra nel clima tipico della California di Owens, nel suo mondo rural-psichedelico fatto di colorati juke box Wurlitzer e di insegne al neon.


La voce di Buck è quella che ti aspetti su un'architettura strumentale fatta di pedal-steel, chitarre acustiche, assoli di Fender Telecaster. Armonie vocali per­fette (come nella miglior tradizione della costa ovest) condiscono il tutto.

Anche classici del rock 'n' roll come Summertime Blues di Eddie Cochran e Memphis di Chuck Berry subiscono l'affascinante trattamento californiano uscendone, se possibile, ancora maggiormente valorizzate.


Ma è nei brani di sua composizione che Buck può esprimere al meglio la sua teoria musicale: Put A Quarter In The Juke Box e, soprattutto, Under Your Spell Again (in duetto con Dwight Yoakam) sono esemplificativi del coun­try-honky tonk di cui Owens è indiscus­so maestro. Ritmo, melodia e grande gusto per i suoni puliti sono la semplice ma infallibile ricetta di questa musica.

Un gran disco e un gradito ritorno che segnano la riabilitazione ufficiale di un artista che sta rivivendo, 25 anni dopo, la sua seconda giovinezza.


parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Songs Of Forbidden Love
Wandering Eyes
Songs Of Forbidden Love
Tomorrow' s Sounds Today
Dwight Yoakam
Tomorrow' s Sounds Today
Hillbilly De Luxe
Dwight Yoakam
Hillbilly De Luxe

cookies policy