Oklahoma Territory
Artista : Red Dirt Rangers  
Label: Range RDR 9701
Anno: 1996

Stili:
Traditional Country
Country Rock
di Dino Della Casa
Miller, Stili Water Runs The

Li avevamo apprezzati (e molto) per la prima volta nel 1993 in qualità di partecipanti al progetto intitolato Pastures Of Plenty: An Austin Celebration Of Woody Guthrie, uscito per l'ormai defunta, ma gloriosa indie texana Dejadisc. In quella occasione i Red Dirt Rangers stravolgevano il classico Rangers' Command e ne davano un'interpretazione elettroacustica ed estremamente grintosa. Nel frattempo il movimento country-roots-rock della zona di Stillwater, Oklahoma è cresciuto ed ha acquisito una sua precisa connotazione artistica, fino ad assumere il nome di Red Dirt Music (Stillwater è una città attorno alla quale esistono zone in cui la terra assume una colorazione rossastra per la presenza di argilla, da qui il nome Red Dirt).


Di questo filone fanno parte, fra gli altri, i vari Jimmy LaFave, Great Divide, Bob Childres, Tom Skinner ed i nostri alfieri scatenati che, tanto per scomodare qualche nome altisonante del passato remoto del country-rock (anni '70), riportano alla mente i gloriosi Ozark Mountain Daredevils (chi se li ricorda?), per quell'ap­proccio fermamente rurale e - per certi versi - anche ruvido, ma sincero e diretto come una stretta di mano fra uomini d'onore.

E' stato lo stesso David Sanger, presidente della Lazy Son Of A Bitch Records (non male come nome per un'etichetta) e batterista degli Asleep At The Wheel a segnalare la nostra rivista a John Cooper (mandolino, voce e percussioni) ed è così che ci ritroviamo per le mani un dischetto veramente degno di nota: Oklahoma Territory.


Gli altri cinque componenti del gruppo rispondono ai nomi di Benny Craig (fiddle, pedal steel ed armonica), Kenny Earley (batteria, percussioni e voce), Bradley Piccolo (chitarra e voce), Ben Han (chitarra solista e voce) e Bob Wiles (basso e voce). Con la sola eccezione dell'iniziale rilettura del traditional Deep Ellem Blues, tutti i brani sono firmati/co-firmati dai componenti della band.

Preziosi contributi compositivi dei guru del Red Dirt Movement li troviamo in Blue Diamond (Bradley Piccolo e Bob Childers), Dolores (John Cooper, Bradley Piccolo, Bob Childers e D. Clark), piacevole divagazione tex-mex che sarebbe certo piaciuta a Doug Sahm e nel ghost track finale Used To Be (Bob Wiles e Tom Skinner). Per la prima possiamo parlare di una languida ballata acustica contrappuntata da una timida steel, con la voce che dolcemente recita il testo, quasi in sordina, riportando alla mente certe atmosfere care ai primordi del country-rock (leggi Gram Parsons).


Used To Be è invece tratta dalla compilation Songs Of Rt. 66 edito dalla Lazy S.O.B. Records ed è una spigliata scorribanda elettroacustica, con l'organo di Lisa Mednick e le voci dei quattro coristi che si fondono in preziosi impasti vocali. Follow Me Down è già un grande brano, corposo e denso di contenuti, ancora prima che la voce di John Cooper entri e ci rapisca; Train Ride's Alright, a firma Bob Wiles e fra le cose migliori del CD, si apre con la scatenata armonica di Benny Craig che ci riporta, non senza una punta di nostalgia, alla Chicken Train compresa nell'album di esordio dei Demoni dei Monti Ozark.

Le citazioni non finiscono qui ed è la chitarra solista (e fortemente orientata al country anni '50) di Ben Han a rifare il verso al famoso boom-chicka-boom sound di Johnny Cash (sì, ultimamente è molto presente a livello di ispirazione).


Dog On A Chain è un sano rock, tutto chitarre, armonica e voci.

Idabel Blues ha una andamento vagamente angoscioso, sarà forse per il lamentoso fiddle che lavora di fino in sottofondo, per tornare prepotentemente alla ribalta, fino a voler gareggiare in un'imprevedibile contesa con un eventuale Charlie Daniels.

Black Gold, a firma del solo John Cooper, è fortemente abbarbicata, quasi avvinghiata, alle sonorità acustiche care alla tradizione popolare americana, con quel fiddle indiavolato che lavora l'ascoltatore ai fianchi senza fermarsi. Altra grande song.

Fresh Cut Hay vanta lo script di tanti brani a firma Hank Williams ed il riferimento all'uso tipico della steel ed allo yodel finale ne sono evidente conferma.

Una menzione speciale merita New Orleans, fortemente influenzata dal suono cajun del fiddle di Benny Craig e dallo shaker egg di Lloyd Maines, che produce anche il CD.

E' bello sapere che fino a quando esisteranno gruppi come i Red Dirt Rangers la nostra musica non corre pericolo di estinzione: davvero bravi e meritevoli di essere scoperti ed apprezzati.


parola:
dove:
A B C D E F G H I
J K L M N O P Q R
S T U V W X Y Z
Heartsongs
Dolly Parton
Heartsongs
It's Alive
Ozark Mountain Daredevils
It's Alive
Corndaddy
Corndaddy
Corndaddy

cookies policy